GIBELLINA

Un luogo molto particolare, un museo a cielo aperto, un esempio unico in Italia di arte ambientale, uno spazio in cui architetti, scultori e pittori hanno sperimentato un avamposto del "moderno", attraverso cui ridare vita e slancio alle speranze perdute. Dopo il terremoto del 1968 non restava altro da fare che ricostruire tutto. Sorge così la grande stella, simbolo di buon augurio e rinascita, creata da Pietro Consagra che funge da porta della nuova città. Famosissima anche il gigantesco Cretto progettato da Alberto Burri.